I 7 migliori sgrassanti per cucina

Guida All'Acquisto & Classifica
miglior-sgrassante-per-cucina

La cucina, da sempre, rappresenta un luogo di raccolta per la famiglia. Per alcuni è un regno, per altri un posto in cui consumare pasti frugali. In ogni caso, la cucina è sicuramente una delle stanze fondamentali della casa. Il cibo unisce ed è necessario per la nostra sopravvivenza. Peccato, però, che dopo aver cucinato vi ritroviate con la cucina invasa dallo sporco ed è per questo che talvolta entrarvi non è più piacere, ma un incubo! Se siete alla ricerca di una soluzione che vi aiuti nel disfarvi dello sporco, siete capitati nel posto (anzi, nell’articolo) giusto!

I migliori sgrassanti per cucina

Qual è il miglior sgrassatore?

Uno sgrassatore da cucina è un detergente con una formula che aiuta a rimuovere facilmente il grasso, senza dover sprecare ore preziose della vostra

vita. Per avere una cucina pulita e senza sporcizia, uno sgrassatore da cucina è fondamentale. Purtroppo, nessuno di noi ha scampo una volta finito di cucinare: lo sporco si accumulerà ovunque soprattutto qualora decidiate di cucinare dei fritti: buoni sì, ma che lasciano schizzi oleosi che si depositeranno ovunque sul piano cottura e sui mobiletti cucina. Non tutti sanno che l’olio della frittura, oltre a dare quella fastidiosa sensazione di unto sulle superfici, attrae e cattura al suo interno altri tipi di sporco, rendendovi la vita in cucina un inferno.

Nella scelta del miglior sgrassatore ci sono tanti elementi da tenere in considerazione. Molti prodotti, infatti, sono specifici per superfici come il legno, il marmo, il vetro e altro e, avere l’imbarazzo della scelta, può anche creare confusione. Quindi seguite i nostri consigli e non rimarrete delusi.

Qui di seguito ti presentiamo i migliori sgrassanti per cucina:

1. Detergente sgrassatore universale Jet 750 ml Bailer Professional

7. Detergente sgrassante multiuso Midor MIALCOOL senza fosforo

Guida all’acquisto miglior sgrassatore per cucina

Guida-all’acquisto-miglior-sgrassatore-per-cucina

Gli sgrassatori da cucina dovrebbero garantirci molto più della semplice pulizia anche se è fondamentale concentrarci principalmente sul loro potere pulente. Quindi, quando andrai a scegliere lo sgrassatore da cucina che fa per te, dovrai tenere a mente una serie di fattori come la sua versatilità (cioè su quali e quante superfici può essere utilizzato), il profumo (anche questo è importante: chi vorrebbe una cucina che odora di prodotti chimici?), la sua consistenza (liquida o schiumosa) e quanto, oltre ad essere efficace, risulta sicuro.

Come scegliere il miglior sgrassatore per cucina

Nella maggior parte dei casi ti verrà suggerito di usare uno sgrassatore multiuso, ma qui ci sentiamo di dissentire. Molto meglio investire su un detergente che soddisfi appieno le tue esigenze specifiche anziché un prodotto che non si presti perfettamente all’utilizzo che ne dovrai fare.

E’ vero che un multiuso può essere usato per diversi scopi, ma se avete bisogno di uno sgrassatore per le macchie oleose della cucina è inutile acquistarne uno che vada bene anche per il bagno!

Con la nostra opinione cercheremo, quindi, di indirizzarvi verso un acquisto ponderato, aiutandovi nella scelta tra i migliori sgrassatori per pulizie e indirizzandovi in quello che farà più al caso vostro.

Si sa che la pulizia approfondita dello sporco più ostinato richiede olio di gomito, per cui sceglieremo i migliori prodotti disponibili in commercio che possano garantire una pulizia impeccabile col minimo sforzo.

Lavora su diversi tipi di superfici?

Questa opzione probabilmente è quella che crea maggior confusione al momento dell’acquisto.

E’ vero infatti che gli sgrassatori sono un tipo di detergente che va bene per tutte le superfici, ma è anche vero che non si adattano sempre per qualsiasi scopo. Il nostro consiglio quindi quello di concentrarti su uno sgrassatore in grado di agire su superfici differenti senza aggredirle e di pensare in anticipo se ti servirà per pulire laminato, legno, granito, vetro e piastrelle, piuttosto che il tipo di sporco da rimuovere.

Tipi di solventi

Senza perdersi troppo in giri di parole, quando ci si imbatte in un prodotto con la dicitura ‘solvente’, si consiglia di prenderlo in considerazione. Ciò che caratterizza un solvente è la sua capacità di sciogliere qualsiasi cosa e questo è l’elemento che più dovrebbe aiutarti nella scelta.

Detergente universale

Un detergente universale, come accennato in precedenza, è versatile e può essere utilizzato per scopi differenti: rimuove, infatti, macchie sui tessuti, ma potrà servirti anche per la pulizia superficiale della tua automobile o per altri usi comuni nell’ambiente casalingo.

Non tutti sanno però che in realtà lo sgrassatore può essere utilizzato anche come detergente pavimenti per rimuovere le incrostazioni più difficili!

Prodotto biodegradabile

Di base, la maggior parte dei prodotti sgrassanti devono seguire delle norme specifiche e quindi non devono contenere agenti troppo aggressivi e che possano avere un grave impatto ambientale. La maggior parte degli sgrassatori, pur seguendo queste norme relative all’ambiente, ha comunque sostanze che possono risultare nocive alla natura.

Se il tuo stile di vita è green e tra le tue priorità c’è quella del rispetto ambientale, puoi optare per sgrassatori biodegradabili. Questi prodotti sono pensati per rispettare la natura a partire dalla confezione, che in genere è fatta di particolari materiali biodegradabili. Lo sgrassatore in sé, poi, è costituito da ingredienti con un minor impatto ambientale possibile ma riescono comunque a svolgere la loro azione di pulizia.

Tempo di azione del prodotto

Il tempo d’azione dello sgrassatore dipende strettamente dagli ingredienti di cui Sicuramente quelli più aggressivi avranno un tempo d’azione minore in quanto sono prodotti con sostanze più forti e che quindi riescono a svolgere il loro compito in minor tempo.

Sgrassatori meno aggressivi avranno un tempo d’azione maggiore, ma non per questo risulteranno meno efficaci: tutto dipende, infatti, dal tipo di sporco su cui il prodotto dovrà agire.

Detergente superpotente

I detergenti superpotenti rappresentano un’ottima soluzione per rimuovere lo sporco più ostinato, anche quello presente ormai da diverso tempo su una superficie. Ad esempio, ci sono in commerci prodotti con candeggina caustica distillata che hanno un’efficacia eccezionale contro qualsiasi impurità.

Se state pensando che esistano solo sgrassatori industriali altamente inquinanti e aggressivi, vi sbagliate: in realtà, sul mercato, è possibile trovarne di biodegradabili che riducono al massimo l’impatto ambientale.

Versatilità

Come già menzionato, esiste una vasta gamma di sgrassatori che puoi usare specificatamente per legno, vetro o metallo e tutti gli altri tipi di superfici presenti nella tua cucina.

Pur esistendo questi tipi di prodotti, talvolta potrà essere necessario acquistare sgrassatori specifici perché, per esempio, alcuni di essi non possono essere usati su superfici porose come ripiani o piatti di legno mentre altri non possono essere usati sul vetro e via dicendo.

Se intendi risparmiare, cerca un prodotto per tutte le superfici, ma tieni sempre a mente che se sul prodotto c’è scritto che va bene per tutti gli “usi” non significa che possa essere utilizzato per tutte le superfici. Quindi, se siete in possesso di una cucina in rovere naturale dovreste optare per un buon sgrassatore per cucina in legno

Profumo

Magari hai trovato uno sgrassatore che assolve benissimo la funzione di pulizia, ma certamente non vuoi che questo lasci per tutto il giorno uno sgradevole odore chimico.

Spesso, per evitare questo inconveniente, ci si affida a candele profumate o diffusori di essenza, ma non sempre basta.

Per questo motivo molti sgrassatori contengono tra gli ingredienti, aromi come limone e citronella che, oltre ad avere un ottimo effetto pulente, ti faranno come se ti trovassi in mezzo alla natura.

Sicurezza e potere pulente

Uno sgrassatore, come qualsiasi altro prodotto, dovrebbe essere sicuro da utilizzare. Sicuramente infatti non vorrai un detergente in grado di pulire le superfici ma che possa bruciarti e rovinarti le mani.

Va da sé che, anche se si utilizza uno sgrassatore fatto in casa, l’ideale sarebbe indossare sempre dei guanti per proteggerti e a maggior ragione questo andrebbe fatto con prodotti industriali, spesso un po’ irritanti sulla pelle.

Oltre al pericolo per le nostre mani, un ulteriore problema potrebbe subentrare qualora il prodotto dovesse venire a contatto con i cibi: pur risciacquando più volte, infatti, alcune sostanze potrebbero resistere e contaminare ciò che mangerete.

Per fortuna, come accennato in precedenza, alcuni sgrassatori sono ecologici, biodegradabili e molto sicuri ed è per questo motivo che sentiamo di consigliarveli: la loro composizione è infatti studiata per rispettare l’ambiente, non è aggressiva sulle mani e garantisce maggior sicurezza anche qualora dovesse entrare in contatto con i cibi.

L’acquisto di un prodotto biodegradabile è da consigliare soprattutto a chi ha in casa bambini o animali domestici o, in alternativa, potresti pensare di fare in casa uno sgrassatore potente fai da te che però, per quanto efficace, non ti garantirà mai lo stesso effetto pulente di un prodotto acquistato.

In commercio troverai sgrassanti naturali, solitamente privi di ammoniaca, fosfato e solvente che però avranno un’effetto più delicato sullo sporco.

Per avere una maggior certezza sulla composizione ti basterà guardare sull’etichetta sul flacone e controllare la presenza di questi elementi: in base alla presenza o meno di certe componenti potrai renderti conto anche del potere pulente del prodotto.

Ingredienti sull’etichetta

Nella scelta dello sgrassatore che fa per te, assicurati che questo abbia indicato chiaramente quali componenti lo rendono un buon detergente.

Se non chiaramente indicato, potremmo trovarci ad acquistare un prodotto non conforme all’EWG (Environmental working group, ONG americana che si occupa di classificare i prodotti in base al loro impatto ambientale e alla loro sicurezza per le persone) e perciò è sempre bene scegliere un marchio che indica in maniera chiara la composizione del prodotto.

Facile da usare

Molti di voi cercheranno uno sgrassatore che sia facile da usare, che velocizzi le operazioni di pulizia e che abbia una confezione comoda da impugnare e da usare. La forma del flacone è talvolta un elemento sottovalutato quando si procede all’acquisto, ma può facilitare notevolmente le vostre faccende domestiche.

Prezzo

In relazione al vostro budget, il prezzo può variare da poco più di 1 euro fino a un massimo di 4 euro (per sgrassatori a uso domestico). Se invece siete alla ricerca di un prodotto professionale, dovreste prendere in considerazione l’ipotesi di spendere qualcosina in più perchè questo tipo di sgrassatori sono solitamente venduti in flaconi più grandi.

Differenti tipi di concentrazione negli sgrassatori

Differenti-tipi-di-concentrazione-negli-sgrassatori

Quando ci addentriamo nel mondo degli sgrassatori ne troviamo una varietà infinità: ne esistono per cucina che sono destinati a preservare le superfici e che garantiscono una certa sicurezza quando entrano a contatto con la pelle, e altri specifici per automobili o industriali che invece hanno composizioni più aggressive e che potrebbero essere meno delicati sulla cute.

Sicuramente uno sgrassatore da cucina non sarà mai efficace quanto uno sgrassatore automobilistico industriale che potrebbe essere utilizzato per la pulizia di un blocco motore, ad esempio.

In base all’uso che se ne deve fare si avrà quindi un diverso tipo di concentrazione che può essere classificata come segue:

Forza normale – Uno sgrassatore con una concentrazione normale è indicato per un uso quotidiano sulle macchie e sul grasso che può accumularsi sulle mensole cucina, antine cucina, sull’armadietto cucina o sui vostri sportelli per cucina.

Oltre a ciò sarà sicuramente più delicato sulla pelle e non avrà un forte odore chimico.

Extra forte, da utilizzare anche come per sgrassatore scarico cucina – Gli sgrassatori extra-forti, rispetto a quelli con concentrazione normale, presentano una concentrazione maggiore e per questo motivo possono essere aggressivi sulla pelle e produrre esalazioni chimiche.

Forza industriale – Per gli sgrassatori industriali vale quanto detto per gli extra-forti. Presentando concentrazioni maggiori saranno sicuramente più adatti per pulizie straordinarie, quindi da evitare per le normali operazioni di pulizia che si svolgono quotidianamente. Questi prodotti risultano più aggressivi sulla pelle e pericolosi se respirati, ma è anche vero che bisognerebbe valutare il grado di concentrazione delle sostanze da cui sono composti.

Sgrassante naturale per cucina ecologico – Gli sgrassanti eco-friendly sicuramente non saranno forti quanto i precedenti ma, considerato che hanno impatto ambientale decisamente inferiore ,rappresentano la scelta migliore che possiamo fare soprattutto nell’uso quotidiano, in modo da preservare le falde acquifere e vivere in maniera più armoniosa con la natura.

Essendo l’impatto ambientale una tematica attuale, dovremmo tutti preoccuparci di più della salute del nostro pianeta cercando soluzioni sempre più ecologiche: il benessere del pianeta è anche il nostro!

Se potete avere lo stesso un effetto pulente perché optare per formule aggressive? E’ giusto pensare infatti alla pulizia della nostra casa, ma non per questo dovremmo disinteressarci del pianeta: cerchiamo sempre di prendercene cura!

Cose da considerare prima dell’acquisto

Prima dell’acquisto di un detergente dovremmo porci specifiche domande che possano indirizzarci sul prodotto più adatto a noi.

Di seguito abbiamo cercato di elencare i quesiti più importanti:

Che forza pulente cerchi?

Acquistare un buon sgrassatore significa valutare il livello di forza che cerchiamo. Se sei convinto di aver bisogno di un prodotto forte, considera prima che impatto potrebbe avere sulla tua pelle e le esalazioni che potrebbe produrre. Sicuramente si tratta di sgrassatori estremamente efficaci ma che, di contro, potrebbero causarti problemi.

Che prezzo deve avere?

Il prezzo, come già detto in precedenza, è sicuramente importante nella scelta. Molti, magari, cercheranno un prodotto a basso prezzo e quindi più economico o cercheranno di risparmiare acquistando uno sgrassatore in vendita online. In generale comunque il prezzo varia molto in base alla marca, al tipo di concentrazione e all’efficacia: in genere, infatti, la qualità si paga, ma questo non esclude che vi possa essere un buon rapporto qualità prezzo che vi permetta di acquistare un prodotto efficiente, pratico, funzionale e, perché no, anche con un basso impatto ambientale.

Come agisce la formula per sgrassatori da cucina?

Durante la ricerca dello sgrassatore più adatto alle tue esigenze potresti chiederti: “ma come funziona lo sgrassatore?”.

In effetti è una domanda più che legittima e, soprattutto i più curiosi, avranno tutto l’ interesse a capire il meccanismo d’azione del prodotto. Fondamentalmente per rimuovere lo sporco ci sono due elementi che entrano azione: il pH e l’attrazione e repulsione delle molecole d’acqua attraverso i tensioattivi.

Qualsiasi tipo di olio da cucina possiede un pH abbastanza neutro ma la maggior parte degli oli , una volta usati per cucinare, cominciano ad avere un ph più acido. Se poi utilizzeremo lo stesso olio più volte, dobbiamo tenere presente che l’olio aumenterà la sua acidità il che lo renderà più ostinato e difficile da rimuovere.

Per rimuovere l’unto, gli sgrassanti contengono i tensioattivi che riescono a “catturare” le sostanze a pH acido e permettono alle superfici di rimanere pulite da tracce di grasso e olio.

Come si rimuovono le macchie di grasso?

Per rimuovere le macchie di grasso non è necessario ripiegare su prodotti industriali. Forse siete a conoscenza del fatto che il bicarbonato disinfetta, ma magari non sapete che è anche un’ottima sostanza in grado di rimuovere alcuni tipi di sporco.

Chi è attento al benessere del pianeta o chi semplicemente desidera risparmiare un po’, sarà felice di sapere che è possibile produrre un detersivo piatti fatto in casa bicarbonato, utile per rimuovere macchie ostinate di olio e grasso dalle superfici. E’ vero, non sarà potente come un normale sgrassatore e ci vorrà più tempo e fatica per pulire, ma state pur certi che con un po’ di pazienza vi darà i risultati sperati!

Speriamo che l’articolo vi sia piaciuto e che continuiate a seguirci per altri consigli su come pulire al meglio la vostra casa! A presto amici!

Antonella Gigantino
Antonella Gigantino

Sono Antonella Gigantino, sono laureata in Comunicazione con una tesi di laurea sulla satira televisiva.Io lavoro come copywriter da 5 anni e ho scritto e scrivo praticamente su tutti gli argomenti che hanno a che fare con gli strumenti di pulizia e il mondo del pulire, sempre con grande curiosità e professionalità.