I 6 migliori carte da cucina

migliore-carta-da-cucina

Strumento indispensabile per la casa, e non solo in cucina, un rotolo di carta assorbente è il jolly di qualsiasi attività domestica: lo usiamo per pulire mentre cuciniamo, per asciugare le superfici dopo aver usato il detergente, per raccogliere qualcosa che è caduto a terra, come tovagliolo o fazzolettino per il naso all’occorrenza e perfino come involucro per il cibo.

Per forza è necessario sceglierne uno di qualità, ma come si sceglie la miglior carta da cucina sul mercato?

In questo articolo ti spieghiamo punto per punto tutto ciò che devi sapere per fare l’acquisto giusto.

I Migliori Carte da Cucina

Qual è la migliore carta da cucina in commercio?

Rotolo classico, maxi bobina, riciclata, super assorbente o a veline?

Per tanti, un rotolo vale l’altro e basta comprare quello col prezzo più conveniente per essere soddisfatti. Ma se sei come me e vuoi investire i tuoi soldi in modo oculato, per non restare deluso, dovrai confrontare i rotoli sullo scaffale (o nella vetrina virtuale) in modo da eliminare quelli che proprio no, non fanno al caso tuo.

E che caratteristiche deve avere un buon rotolo di carta da cucina?

Secondo noi deve poter garantire:

  • ottima assorbenza
  • ottimo rapporto qualità prezzo (il che significa anche lunga durata)
  • resistente (no a strappi che si sciolgono non appena toccano una goccia d’acqua)
  • formato giusto per lo spazio a disposizione e lo scopo d’uso

Qui di seguito ti presentiamo i migliori carte da cucina:

2. Carta da cucina Regina di Cuori

Perché dovresti usare dei tovaglioli di carta?

tovaglioli-di-carta

Poiché i tovaglioli di carta eliminano la diffusione dei germi, possono essere uno strumento utile per la nostra routine di pulizia e di cottura.

Comprendiamo, giustamente, anche l’impatto ecologico e ambientale dei prodotti in carta usa e getta. Infatti, per molte attività in casa, vi incoraggiamo ad utilizzare asciugamani di stoffa riutilizzabili. Non eliminiamo del tutto, però, gli altri strumenti per la pulizia della cucina. Infatti, quando si preparano i pasti con carne cruda o con i comuni prodotti per la pulizia, gli asciugamani di carta monouso sono l’opzione più sicura e più igienica.

Possono essere utilizzati anche per le seguenti funzioni domestiche:

  • Eliminare polvere e sporcizia dalle superfici
  • Pulizia di sversamenti e incidenti con animali domestici
  • Risciacquo e asciugatura di frutta e verdura fresca
  • Assorbimento del grasso di pancetta e cibi fritti
  • Copertura del cibo in microonde per prevenire gli schizzi
  • Lucidatura mobili
  • Pulizia auto
  • Disinfezione di superfici di bagni e cucine
  • Pulizia di finestre e specchi

Come scegliere l’asciugamano di carta

Tovaglioli-carta

Dopo diversi giorni di ricerca, abbiamo scoperto che le caratteristiche chiave che le persone cercano nella carta assorbente includono:

  • La forza
  • Potenza di pulizia
  • Assorbenza
  • Accessibilità/valore
  • Prezzi

Sai cosa faccio io al supermercato (o davanti allo schermo se sto per comprare online)? Sfodero il mio cellulare e calcolo la convenienza del rotolo assorbente dividendo il prezzo per il numero degli strappi totali di ogni bobina.

Certo, fa un po’ nerd ma come si fa altrimenti a capire quale offerta è la migliore?

In effetti capire il costo più conveniente è importante ma non è l’unico parametro indicativo che il rotolo di carta assorbente è davvero la migliore dal punto di vista del rapporto qualità prezzo, e sai perchè?

Pensa quando strappi uno, due, tre fogli per raccogliere qualcosa che si è rovesciato a terra e devi prendere subito uno, due, tre altri fogli perché quelli che hai appena usato si sono già consumati sotto il peso dei liquidi…

Se scegliere una bobina a basso prezzo può sembrare l’idea vincente, spesso ci vogliono numerosi tentativi per trovare quella con il costo e l’efficienza davvero migliori, e non è detto che a farci risparmiare davvero sia solo il prezzo sul cartellino.

  • Veli

I veli sono il numero di strati in ogni foglio. Il doppio strato – cioè due veli di carta – è tipico per asciugamani monouso efficaci. Controllare l’imballaggio per vedere se i rotoli sono a uno o due veli.

  • Dimensione dello strappo

Nella maggior parte dei casi i fogli di carta assorbente hanno dimensioni standard di 20 cm x 20 cm ma ci possono essere delle eccezioni, ovviamente.

Alcuni rotoli sono pensati per un uso più diversificato e hanno fogli leggermente più stretti. In genere si tratta di bobine molto grosse pensate per essere utilizzate anche in ambiti professionali.

In realtà a dimensione di uno strappo fa poco la differenza se la carta è di buona qualità, ma potrebbe rivelarsi scomodo avere fogli troppo piccoli nel caso li utilizzassimo sul piatto per assorbire l’unto dei fritti – ad esempio.

Se scegli marche diverse dalle più note sul mercato, dai sempre un’occhiata alla dimensione degli strappi per assicurarti di scegliere una bobina che non ti costringa a usare troppi fogli in una volta!

  • Impatto ambientale

Due sono gli aspetti da considerare per scegliere e utilizzare la carta assorbente avendo cura di impattare il meno possibile sull’ambiente:

  1. Il marchio come produce la carta? Deriva da fonti responsabili?
  2. Come disponi dei fogli usati? Sai separare quelli per il compost da quelli destinati all’indifferenziata?

Innanzitutto devi sapere che i marchi che utilizzano materie prime derivanti da fonti responsabili applicheranno sempre il relativo marchio sulla confezione. Quindi assicurati di scegliere il prodotto giusto sia per te che per la natura!

Per quanto riguarda la gestione dell’usato, devi sapere che tutti i fogli su cui non hai spruzzato sostanze inquinanti come detergenti, acidi, vernici o grassi (es. grassi animali oppure olio) possono essere buttati tranquillamente nei rifiuti organici o addirittura nella compostiera.

La carta si distrugge molto rapidamente e fornisce nutrimento al terreno, non intasare le discariche con gli strappi riciclabili.

Se invece hai usato la carta per pulire superfici o per maneggiare sostanze inquinanti, no, in quel caso dovrai buttare tutto nell’indifferenziata.

Mi raccomando: è importante capire che in nessun modo questi fogli possono essere buttati nella raccolta differenziata della carta!

  • Resistenza all’uso

Un foglio assorbente resta sempre un foglio di carta ma la qualità della cellulosa, il numero di veli e spesso anche il tipo di trama della superficie lo renderanno più o meno resistente all’uso.

Personalmente cerco di evitare quei rotoli in cui i fogli sono molto “paffuti”, preferendo quelli in bobina più compatti e sottili. In quasi tutti i casi mi hanno assicurato un uso più duraturo anche a contatto con i liquidi.

  • Assorbenza

Dal mio punto di vista il fattore assorbenza è il più importante per determinare la reale convenienza di un rotolo di carta da cucina.

La resistenza ai liquidi e il suo livello di assorbirli saranno le caratteristiche chiave per capire quanti strappi utilizzeremo ogni volta.

Decidere quale rotolo è il più assorbente è praticamente impossibile a scatola chiusa, anche se le recensioni degli altri acquirenti possono aiutarci a capire se una marca è migliore rispetto a un’altra.

  • Grandezza

Ovviamente più è grande la bobina e maggiore sarà la sua durata ma non tutti possono tenere sul banco della cucina un rotolone da 500 strappi o più.

Devi appenderlo al portarotolo sospeso?

Hai un supporto da appoggio che tieni in un angolo?

Quando scegli la dimensione del rotolone valuta anche la sua dimensione totale e il peso per assicurarti che i supporti riescano a contenerlo in modo efficace.

  • Asciugamani di carta monouso contro asciugamani di stoffa riutilizzabili

Non si può negare che gli asciugamani di carta sono comodi da usare, ma come la plastica monouso, sono dannosi per l’ambiente e producono molti rifiuti. Un’alternativa più ecologica ai tovaglioli di carta monouso è costituita da strofinacci riutilizzabili. Nel lungo periodo, il riutilizzo degli asciugamani di stoffa piuttosto che l’acquisto costante di asciugamani di carta potrebbe essere più conveniente.

La carta è certamente un’alternativa più igienica rispetto alla stoffa, tuttavia oggi esistono soluzioni in tessuto vegetale (bambù) che uniscono il meglio dei due mondi: possono essere lavati fino a 100 volte ed essendo in singoli fogli, sono pratici come uno strappo di carta tradizionale.

Tipi di carta da cucina

La maggior parte degli asciugamani di carta sono fatti di polpa, che è fatta separando le fibre in legno, carta straccia o colture di fibre. Sono disponibili diverse opzioni ecocompatibili, incluse quelle riciclate, prive di candeggina e certificate.

I tipi comuni di carta da cucina includono:

  • Vergine

Questi tovaglioli di carta non contengono fibre riciclate/alternative.

  • Riciclato

Realizzati con un mix di materiali riutilizzati, questi sono meno dannosi per l’ambiente e non finiranno come rifiuti nelle discariche. Tuttavia, la pasta pretrattata utilizzata è più debole, il che può significare che gli asciugamani non sono così assorbenti.

  • Senza cloro elementare (ECF)

Gli asciugamani di carta sono spesso sbiancati per apparire bianchi. I prodotti ECF non sono in realtà privi di cloro, ma piuttosto sbiancati con biossido di cloro invece che con un gas di cloro elementare più nocivo.

  • Senza cloro lavorato (PCF)

I prodotti PCF sono trattati con alternative alla candeggina come il perossido di idrogeno o l’ossigeno.

Il Forest Stewardship Council (FSC) e il Program for the Endorsement of Forest Certification (PEFC) sono organizzazioni internazionali che sostengono la gestione sostenibile delle foreste. Se preferisci utilizzare tovaglioli di carta più ecologici, scegli un prodotto certificato FSC o PEFC cercando il logo FSC o il logo certificato PEFC.

Alternativa alla carta da cucina

Conclusioni

Abbiamo presentato 6 prodotti molto validi ma non possiamo non considerare la carta di bambù riutilizzabile Bambaw la migliore tra tutte.

L’abbiamo scelta per il messaggio super ecologista e per il suo essere al 100 per 100 naturale. La causa del disboscamento selvaggio va combattuta molto bene e noi non possiamo restare indifferenti rispetto a questo problema che riguarda tutto il pianeta.

Domande frequenti

🧻 Perché i rotoli da cucina sono decorati?

Ci sono due tipi di decori, per così dire, sui rotoli di carta assorbente: i motivi stampati e i motivi impressi sulla superficie. Nel primo caso lo scopo è puramente decorativo, spesso usato per rendere più attraente un rotolo e quindi più accattivante da acquistare. Nel secondo caso invece la motivazione è funzionale. I rilievi (o “trapuntatura”) servono per rendere più assorbente il foglio e anche per migliorarne la resistenza quando entra in contatto con dei liquidi, inclusi i detergenti.

🧻 Quale marca di bobine di carta è la più assorbente?

Le 6 che abbiamo scelto sono quelle che, leggendo recensioni e prendendo informazioni un po’ dappertutto, sono risultate tra le più assorbenti.

🧻 Quanto costano gli asciugamani di carta?

I prezzi variano in base a quanti rotoli troviamo nella confezione. Si va da un minimo di 2 euro per i 600 strappi di un solo rotolo come per Wow! a circa 1 euro a rotolo, per rotoli più piccoli, nelle confezioni famiglia di Scottex e Regina. Il più costoso, a circa 10 euro, è il riciclabile Bambaw ma è anche l’unico riutilizzabile più e più volte.

Antonella Gigantino
Antonella Gigantino

Sono Antonella Gigantino, sono laureata in Comunicazione con una tesi di laurea sulla satira televisiva.Io lavoro come copywriter da 5 anni e ho scritto e scrivo praticamente su tutti gli argomenti che hanno a che fare con gli strumenti di pulizia e il mondo del pulire, sempre con grande curiosità e professionalità.

Post sullo stesso tema