Detergente in polvere vs detergente liquido

scrittore
detergente-in-polvere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

La tua lavanderia sembra un laboratorio chimico con tutte quelle bottiglie di detersivo in polvere o liquido per il bucato?

Immagino tu sia qui per capire quale tra il detergente liquido e i detergenti in polvere sia meglio preferire per fare spazio in lavanderia usando prodotti essenziali e veramente efficaci. In quest’articolo proveremo a darti delle indicazioni su entrambi i tipi di detersivo per bucato, affinché possano essere chiariti i tuoi dubbi a riguardo.

Non solo sostanziale differenza di forma, questi due detersivi hanno anche composizioni chimiche e quindi azione del tutto diversa. Resta con noi per scoprire come e quale dei due è più conveniente.

Come agiscono i detergenti per bucato?

Come-agiscono-i-detergenti-per-bucato

Cerchiamo, anzitutto, di capire come funzionano i detersivi per bucato i quali, da quel che abbiamo anticipato, contengono elementi specifici per il lavoro di pulizia che sono chiamati a svolgere.

Può darsi che caricando la lavatrice ti sia chiesto almeno una volta in che modo agiscono i detersivi su macchie e sporco, e che effetto possono avere questi sulla salute della tua lavatrice e dei tuoi capi preferiti.

Oltre ai coloranti e ai profumi (che sono tra gli ingredienti da evitare se hai la pelle molto sensibile) i principali componenti dei detersivi sono i chelanti, gli agenti pulenti, i tensioattivi e gli enzimi.

Questi elementi agiscono legandosi allo sporco e all’olio presenti sui vestiti per poi separarli da questi ultimi grazie all’azione dell’acqua che trasporta via tutti i residui sui vestiti.

La maggior parte del lavoro è svolta dai tensioattivi, speciali tipi di composti le cui molecole da un lato sono attratte da sostanze idrorepellenti come grasso e olio, e dall’altro lato sono attratte dall’acqua.

Gli agenti pulenti agiscono in questo modo: una delle estremità si attacca allo sporco presente sui vestiti mentre l’altra estremità stacca lo sporco portandolo verso l’acqua; così le molecole rimuovono con efficacia la sporcizia dai vostri capi.

Dopo questo passaggio lo sporco viene sospeso nell’acqua di lavaggio e rimosso totalmente in fase di risciacquo.

Che dire del potere pulente complessivo?

Quando parliamo di potere pulente in generale, poco importa se usiamo un detersivo in polvere o quello liquido, a fare la differenza non sarà il formato in sé ma gli ingredienti della formula.

Spesso sulle etichette di diverse marche di detersivi troviamo liste di ingredienti con nomi lunghi e difficili da pronunciare, tante volte diversi da un prodotto all’altro.

I detersivi più potenti contengono generalmente carbonato di sodio, detergente naturale efficace sulla maggior parte di macchie e tessuti, e tensioattivi più forti come l’alcol etossilato in grado di catturare lo sporco disperdendolo nell’acqua.

Un buon detersivo per essere tale dovrebbe contenere una dose ben bilanciata di questi ingredienti.

Detergente liquido vs detergente in polvere

Detergente-liquido

Ma veniamo alle principali differenze tra detersivi in polvere e liquidi partendo dal fatto che il liquido da bucato risulta un tantino più comodo da usare poiché è più facile da versare in lavatrice rispetto al detersivo da bucato in polvere.

Risulta più pratico anche perché il detersivo in polvere rischia di versarsi per terra oltre a risultare più pesante nel trasporto a causa delle grandi scatole in cui è contenuto e che si possono anche strappare più facilmente o addirittura bagnare, compromettendo l’intero lotto di detersivo.

Problematica che, volendo, potremo evitare acquistando detersivo in polvere confezionato in buste di plastica richiudibili che lo isolano dall’umidità e da eventuali infiltrazioni di acqua.

  • Temperatura dell’acqua

Il detersivo si dissolverà a prescindere dalla temperatura dell’acqua, anche se usarne troppo (in alcune marche in particolare) potrebbe lasciare residui e macchie blu sul carico di bucato.

Anche il detersivo in polvere è stato progettato per dissolversi velocemente in acqua ma non in temperature eccessivamente basse.

Va comunque detto che, a meno che non utilizziamo cubetti di ghiaccio per fare il bucato, entrambe le varianti di detersivo faranno il loro dovere a qualsiasi temperatura dell’acqua.

  • Trattamento macchie

Ti sei accorto di aver terminato lo smacchiatore? Nessun problema, ecco alcuni suggerimenti di rimozione macchia pronti per l’uso.

Innanzitutto ti consigliamo di usare il detergente liquido per pretrattare la macchia.

Il detersivo liquido può agire efficacemente su macchie a base d’acqua come quelle di caffè, tè, vino, bevande analcoliche, succo di frutta o inchiostro lavabile.

Se non hai il detersivo liquido o se sei abituato al fustino, potrai usare il detersivo in polvere per il pre-trattamento, anche se risulta meno pratico dato che è necessario mescolarlo all’acqua per formare una pasta da applicare sulla macchia.

Quando parliamo di potere pulente in generale, poco importa se usiamo un detersivo in polvere o quello liquido, a fare la differenza non sarà il formato in sé ma gli ingredienti della formula.

Spesso sulle etichette di diverse marche di detersivi troviamo liste di ingredienti con nomi lunghi e difficili da pronunciare, tante volte diversi da un prodotto all’altro.

I detersivi più potenti contengono generalmente carbonato di sodio, detergente naturale efficace sulla maggior parte di macchie e tessuti, e tensioattivi più forti come l’alcol etossilato in grado di catturare lo sporco disperdendolo nell’acqua.

Un buon detersivo per essere tale dovrebbe contenere una dose ben bilanciata di questi ingredienti.

Detersivo per bucato liquido: pro e contro

Sin dalla loro comparsa negli anni ‘50, i detersivi liquidi hanno conquistato le preferenze del mercato, diventando il formato più richiesto e popolare: facili da usare, si disciolgono bene nell’acqua durante il lavaggio e sono disponibili in diverse profumazioni.

Ma come la maggior parte dei prodotti anche loro hanno dei pro e dei contro.

PRO:

  • È già diluito e questo ne garantisce un completo dissolvimento in acqua, evitando un accumulo di prodotto nelle guarnizioni e nei vani della
  • È facile da usare e da versare.
  • Puoi pretrattare le macchie versandolo direttamente sui vestiti e penetra in profondità nelle fibre dei tessuti.
  • È più sicuro per le fosse settiche in quanto contiene meno sostanze chimiche dannose rispetto ai detersivi in

CONTRO:

  • Le bottiglie di plastica in cui sono contenuti i detersivi liquidi non sono ecologiche poiché, anche se riciclabili, spesso finiscono in discarica. Molti consumatori e comuni, infatti, non partecipano ai programmi di riciclaggio e questo può avere un grande impatto ambientale.
  • Dato che contengono molta acqua, sono anche più pesanti rispetto alla polvere e questo aspetto si ripercuote sul trasporto, che richiede un maggior sforzo e quindi dispendio di combustibile, il che si traduce in maggiori emissioni atmosferiche.
  • Sono generalmente più costosi dei detersivi in polvere.
  • Hanno una scadenza più breve rispetto a quella dei detersivi in polvere: durano solo sei mesi dalla prima apertura.

Detersivo per bucato in polvere: pro e contro

detergente-in-polvere

Il detersivo in polvere era ampiamente usato in passato, è uno dei ricordi che conserviamo dei nostri nonni quando eravamo bambini ed è anche per questo che molti di noi vi sono ancora affezionati. Ma, proprio come il detersivo liquido, anche la polvere presenta pro e contro.

PRO:

  • Non essendo diluito risulta più conveniente dei detersivi liquidi;
  • Viene confezionato in scatole di cartone e ciò lo rende un prodotto più ecologico e rispettoso dell’ambiente;
  • Vengono usati meno coloranti;
  • Agisce bene anche nelle zone dove l’acqua è più dura grazie agli additivi in esso contenuti;
  • È possibile usarlo, grazie agli additivi più stabili rispetto al detersivo liquido, con altri prodotti smacchianti;
  • Occupa meno spazio in lavanderia e vi garantisce numerosi lavaggi.

CONTRO:

  • Più complesso da usare nel pretrattare le macchie in quanto deve essere prima mescolato ad acqua per creare una pasta;
  • Alcuni detersivi in polvere poco costosi non si dissolvono efficientemente in acqua e questo può creare sedimenti all’interno della lavatrice, attorno all’oblò e negli appositi vani del detersivo;
  • Se dissolto in maniera errata nell’acqua tende a lasciare residui sui vestiti e questo può portare a irritazioni cutanee e allergie;
  • Essendo in polvere si disperde facilmente nell’aria e ciò lo rende inadatto per chi soffre di problemi respiratori;
  • Il solfato di sodio contenuto nei detersivi in polvere può avere un impatto sulle fosse settiche e quindi sull’ambiente;
  • Contiene un maggior numero di sostanze rispetto ai detersivi liquidi; deve essere conservato in ambienti asciutti per evitare che la scatola si bagni determinando un deterioramento del detersivo; a causa del peso delle confezioni è difficile da trasportare e questo ha un impatto maggiore sull’ambiente.

Dopo avervi fornito queste nozioni basilari, siamo certi che sarete in grado di scegliere bene quale detersivo fa al caso vostro, valutando pro e contro. Anche se il giudizio finale spetta a voi speriamo di esservi stati d’aiuto e vi aspettiamo per altri preziosi consigli. A presto!

E Landro
E Landro

Enrica è una donna come tante, divisa tra il lavoro e la cura della casa. E' sempre alla ricerca di nuovi elettrodomestici e dispositivi che possano rendere gli "affari domestici" più semplici e veloci, per avere più tempo per sé e per i suoi innumerevoli hobby. Condivide le sue esperienze e le sue conoscenze tramite articoli e guide all'acquisto scritti in modo semplice e utili ai lettori